03 ottobre 2017

E a te piacciono i Ragni?

E rieccoci in autunno (o quasi, visto che fa ancora abbastanza caldo). Ormai è passato un anno e mezzo da quando ho lasciato Beppu, eppure sembra ieri. Il tempo scorre in fretta qui in città, le vacanze sono poche e il lavoro è tanto. Insomma, puro lifestyle giapponese.

Ad agosto sono stato insieme ad Erik a Ise, città sacra, cuore dello shintoismo, e anche meta turistica. L'esperienza è stata davvero unica, sia perché la campagna giapponese non smette mai di affascinarmi, e sia perché l'alloggio era uno di quelli che non si dimenticano mai più >_<
Un edificio facente parte di un tempio buddista in cima ad una collina. Immagino suoni molto caratteristico e tradizionale, ma quando scopri che nessuna porta (compresa quella d'ingresso) si può chiudere a chiave, e che si è gli unici clienti in tutta la struttura allora ci si inizia a cagare in mano. La vecchia custode (la cui età può variare tra i 70 e i 500 anni) nonché gestore della struttura ci aveva rassicurato che insetti non ne entravano, data l'apparente robustezza delle zanzariere, ma le bombolette di insetticida ad ogni angolo facevano già presagire il peggio. Tuttavia la signora su di una cosa aveva ragione, ovvero sul fatto che non sarebbero entrati insetti. Perché la roba che abbiamo visto aggirarsi nei corridoi non poteva rientrare nella categoria insetti.... La fiera degli aracnidi!!!! Risultato: due notti in bianco, ma almeno adesso gli insettini di Tokyo non fanno più paura haha

Vi lascio con qualche foto e appuntamento più in la.

P.S. prossimo weekend finalmente vado a Beppu a rilassarmi e incontrare vecchi amici, non vedo l'ora!!!!



Le rocce sposate (夫婦岩) rappresentano le divinità principali giapponesi (genitori di tutti i kami) Izanagi e Izanami


Io ed Erik ignari di cosa ci aspettasse


Il piccolo villaggio prometteva bene


Abbiamo scoperto che il tempio dove alloggiavamo era dedicato agli animali domestici e quindi vi era annesso un cimitero per animali (nella foto ci sono invece le statue di Jizo)

Il cartello semi distrutto che indicava la posizione dell'ostello

L'ostello visto da fuori

Oltre all'illuminazione degna di un film Horror, il rumore del legno quando si camminava faceva venire i brividi.



05 agosto 2017

sabato sera

E rieccomi a scrivere a distanza di sei mesi. In realtà sono settimane che continuo a rimandare e alla fine non ho mai scritto per mancanza di tempo e voglia.
Il titolo è riferito al fatto che scrivo di sabato sera, perché non ho niente di meglio da fare, o perché scrivere qui sul blog risulta più produttivo che uscire da solo per andare chissà dove.

Il lavoro, come previsto, non lascia spazio a molto altro, se non bevute in compagnia di colleghi che già fai fatica a sopportare dal lunedì al venerdì. L'odio nei confronti di colleghi e dirigenza cresce sempre di più e insieme al mio carattere poco adatto alla società giapponese, non penso mi porterà a restare in azienda a lungo. Ma la testa è dura (e in tutti questi anni è l'unica cosa che non è cambiata), l'orgoglio alto, la voglia di cambiare zero, e quindi ci si prende quello che arriva.


Il weekend esco poco e quando lo faccio non so dove andare ne cosa fare. Inoltre ultimamente il solo pensiero di dover prendere la metro per andare in posti affollati mi fa passare la voglia di uscire, e quindi finisco per restare a casa.

A Giugno son tornato una settimana in Italia, bruciandomi le ferie di un anno intero, ma almeno sono riuscito ad andare al mare dopo due anni. Tuttavia non sopporto più il dover viaggiare per 15 o 16 ore ogni volta, quindi la prossima volta in Italia sarà tra qualche anno, sempre se ne avrò voglia.

Per il resto c'è poco o niente da dire. Noia e insoddisfazione. (una costante per quanto mi riguarda)

A quasi 30 anni sono solo circondato da gente che nella maggior parte dei casi non sopporto, e che non sopporta me (soprattutto la seconda).
Purtroppo l'essere troppo diretti non porta mai vere amicizie ne tantomeno relazioni
(qui che si basa tutto sull'apparenza poi non ne parliamo) ma solo conoscenti con cui andrai a bere o mangiare qualche volta, magari ti scambi qualche confidenza, ma finito l'effetto dell'alcool, finito tutto.

L'unica persona che rispetto a lavoro, a breve lascia l'azienda (e come dargli torto), quindi prevedo un autunno poco piacevole.

Unica nota positiva è che il prossimo weekend sarò ad Ise (ci volevo andare da tempo) con un amico in vacanza dall'Italia. Cercherò di scrivere e postare qualche foto a riguardo verso fine mese.



29 gennaio 2017

Anima da Edokko

E rieccomi qui dopo mesi di latitanza. Innanzitutto buon anno a tutti (e con solo 3 settimane di ritardo).
La Tokyo SkyTree, (634m) è uno dei simboli della Shitamachi moderna.

Solitamente durante il weekend vado a Tokyo a vedere la "città", ovvero a passeggiare per i quartieri in cerca di qualche scatto decente. Ultimamente però i vari Shinjuku, Shibuya, Akihabara, Roppongi, ecc mi hanno stancato, troppa gente, bisogna fare la fila anche per andare a prendere un caffè, e anche solo prendere la metro è stressante. Sarà la vecchiaia, ma sta di fatto che non trovo più quei quartieri attraenti come lo erano un tempo. Così sono andato ad Asakusa (uno dei miei quartieri preferiti di Tokyo), cuore della vecchia Tokyo che tanto mi piace. Avendoci vissuto per quasi due anni, ogni volta che ci ritorno è come tornare a casa e la nostalgia prende il sopravvento.


Kaminarimon e Nakamise-dori visti dall'alto.
Mentre passeggiavo alla ricerca di qualcosa da fotografare, ho pensato di visitare il Centro turistico di Asakusa, costruzione moderna (nell'Asakusa dei miei tempi non c'era) che sorge proprio di fronte al Kaminarimon (雷門 "Porta del Tuono", il gate principale da cui si accede per accedere al tempio Senso-ji). Lì ho scoperto che all'ultimo piano c'era una caffetteria con terrazza, e allora che pausa caffè sia. La vista di Asakusa dall'alto, il tempio Sensoji, la stradina Nakamise affollata di turisti era così bella e rilassante da far passare in secondo piano il sapore e il prezzo del caffè. Finito il caffè sono tornato a fare una passeggiata nel quartiere per qualche scatto. In molti si chiedono cosa mi attrae di questo posto, non ha divertimento per giovani, è vecchio, in alcuni tratti anche sporco, pochi e piccoli centri commerciali, i locali sono piccoli, vecchi e pieni di gente che fa baldoria il sabato sera, le strade sono strette...insomma ricorda la Tokyo di altri tempi. Beh, questi sono esattamente i motivi per cui amo questo posto. A Gyotoku c'è tutto quel che serve per vivere comodamente, ma manca l'anima della Shitamachi (下町 "città bassa", la parte antica di Tokyo). E questo mio attaccamento ad Asakusa e al suo stile di vita fa di me un Edokko (nome dei vecchi abitanti di Tokyo, all'epoca chiamata Edo), a detta di molti amici Giapponesi.
Una strada dietro al tempio con i suoi caratteristici
Yatai (piccoli locali con posti a sedere all'aperto d'estate).
Il weekend di Asakusa per molti inizia qui.


Ultimamente, purtroppo, anche Asakusa sta venendo gradualmente rinnovata a causa del grande boom turistico recente, e in previsione delle olimpiadi del 2020. Questo vuol dire anche che prima o poi diventerà un posto "finto" un po' come i parchi divertimenti che vogliono imitare altri posti (Haus Ten Bosch). Mi sento estremamente fortunato ad aver visto Asakusa com'era 10 anni fa e com'è oggi, averci vissuto e aver collezionato tanti bei ricordi tra le sue stradine.




Un negozio di Kimono e una Ducati 750 F1 (in condizioni perfette), quando l'arte Giapponese incontra quella Italiana. 




26 novembre 2016

Gyotoku

E rieccomi a raccontarvi del Giappone in cui vivo.

Oggi voglio parlarvi del quartiere in cui vivo, Gyotoku (行徳). Essendo Tokyo molto cara in termini di affitti la maggior parte della popolazione vive in zone residenziali suburbane o nelle prefetture confinanti.
Otto anni fa, quando sono arrivato in Giappone per la prima volta ho avuto la fortuna di vivere ad Asakusa, quartiere ricco di storia e cultura, perfetto per chi apprezza molto l'atmosfera di un tempo che nella Tokyo moderna si è persa del tutto.
Questa volta però, nello scegliere il quartiere in cui vivere, ho dovuto tener conto del lavoro e quindi ho dovuto optare per altro. Infatti vivo nel quartiere di Gyotoku (in particolare nella zona sud), città di Ichikawa, prefettura di Chiba. Pur essendo tecnicamente fuori da Tokyo la zona è servita falla metropolitana, con cui si arriva in 20 minuti al centro di Tokyo. Questo ne fa una delle aree residenziali più affollate, anche grazie agli affitti più bassi rispetto a Tokyo. Inoltre essendo una zona relativamente nuova (la metro ha aperto negli anni 70), Gyotoku offre ogni tipo di comodità e negozio, senza doversi spostare con la metro per fare compere.
Ma un drogato di storia e vecchiume come me può essere soddisfatto?  Naturalmente no, e nel tempo libero ho fatto delle ricerche sul passato di questa zona, e inaspettatamente Gyotoku ha molto da raccontare, se si è attenti ad osservare i particolari.


Durante il Periodo Edo, Gyotoku, e tutta l'area che va da Urayasu a Chiba, era una florida area portuale, specializzata nella pesca e nella produzione di sale marino e alghe alimentari, così come altri prodotti.
L'area che va da Urayasu a Ichikawa, che include il quartiere Gyotoku. La linea gialla indica il percorso della Gyotoku Kaido di cui parlerò tra poco, mentre quella viola rappresenta la costa sul mare all'epoca. Il puntino rosso in basso a sinistra è casa mia, quindi nel periodo Edo sarei vissuto sulla spiaggia haha.




Facendo una piccola ricerca sul web ho scoperto che esiste una strada specifica che all'epoca fungeva da arteria principale per collegare le citta di Urayasu e Ichikawa. Il nome della strada è Gyotoku Kaido (行徳街道), che nel periodo Edo era ricca di botteghe di ogni tipo per soddisfare le richieste dei viaggiatori, così come quelle dei locali. Gyotoku Kaido esiste ancora oggi, e non fosse per qualche struttura in legno di vecchia data e le segnaletiche che ne indicano il nome, oggi sarebbe indistinguibile da una tipica stradina vicino la stazione. La sua vicinanza col fiume Edogawa (江戸川oggi chiamato Kyu-Edogawa 旧江戸川 ) ne faceva un posto popolatissimo di famiglie di pescatori a testimoniare la vocazione marittima dell'area.
Passeggiando lungo la Gyotoku Kaido una domenica pomeriggio, ho avuto modo di vedere molti templi buddisti, santuari scintoisti, e anche un paio di edifici di fine Periodo Edo che sono stati dichiarati tesori nazionali dal governo giapponese.

Il primo è l'antico negozio di Udon "Sasaya" (笹屋うどん), all'epoca tappa obbligatoria per tutti gli amanti di udon. La leggenda vuole che il nome Sasaya (笹 sasa letteralmente "foglia di bambù") sia stato dato Minamoto no Yoritomo (primo Shogun del Giappone, che diede inizio al periodo Kamakura), il cui emblema familiare era composto appunto da 5 foglie di bambù. Sebbene la storia di Sasaya udon è molto lunga, l'edificio lungo la Gyotoku Kaido risale al "più resente" 1854, verso la fine del Periodo Edo.

Il vecchio edificio di Sasaya Udon sulla Gyotoku Kaido.


Altre residenze importanti lungo la Gyotoku Kaido sono Asago (浅子神輿店) e Kato (加藤家住宅). La prima era un popolare negozio di mikoshi (神輿 una lettiga con cui si trasportano i vari kami , divinità shintoiste), mentre la seconda apparteneva ad una famiglia di mercanti di sale.

Il vecchio negozio di mikoshi della famiglia Asago.




La Residenza Kato, famosa per la produzione di sale, come appare oggi sulla Gyotoku Kaido.

Per i più curiosi basta dare un'occhiata qui. Alla prossima, ciaooooooo.